Antologia

critica

2011

Hanno parlato di Anna Napoli, Alessandra Bruscagli

2011 Alessandra Bruscagli, giornalista.

Atmosfere Mediterranee, Gente dei Nebrodi, gente di Sicilia

 

Per capire meglio il linguaggio artistico di Anna Napoli bisogna dire che è nata a Castel di Lucio, antico paese normanno sui Nebrodi, dove ha trascorso la prima infanzia.

E poi gli studi a Firenze, Milano, Zurigo, Inghilterra, per il disegno è stata allieva della scultrice Mary Ann Lucchetti, ma il periodo siciliano le è rimasto nell´anima: i colori cangianti del mare, la natura feconda e rigogliosa, i dettagli architettonici impressi nella memoria del cuore, le atmosfere mediterranee con i loro profumi inconfondibili sono parti integranti del suo animo sensibile e Anna Napoli non poteva non riversare sulle tele tutte quelle sensazioni vissute nel dorato periodo dell´infanzia, emozioni che appartengono alle forti radici che la legano alla sua terra d´origine. Ne sono nate eccezionali opere soffuse di suggestioni evocative frutto di un´accurata quanto peculiare ricerca che l´ha portata a creare fondi caliginosi e affascinanti, aloni sottintesi dai quali pare emergere l´immagine voluta, quasi si trattasse di un velario misterioso che si apre e rivela un mondo magico, fiabesco, quel mondo incantato che si può scoprire solo agli inizi della vita. Prendiamo ad esempio “La porta” che illustra questo articolo: una porta chiusa di solito è un simbolo di distanza, di distacco, ma in questo caso non è così. Guardandola si ha la voglia di aprirla piano piano, magari ci si aspetta anche uno scricchiolio del legno, ma non sinistro, anzi invitante e non vediamo l´ora di intrufolarsi là dentro per scoprire le meraviglie che nasconde. 

2011 Alessandra Bruscaglia, giornalista.

Atmosfere Mediterranee, Gente dei Nebrodi, gente di Sicilia

 

Ottima la scelta delle otto opere di grandi dimensioni che l´autrice propone in questa sua ultima mostra, ottima nel senso che sono tutti dipinti che riescono a "raccontare" al meglio non solo il linguaggio espressivo della Napoli, ma anche il suo "progetto" artistico che sembra "giocare" in tutta libertà in una vera e propria palestra di emozioni che si esprimono magistralmente attraverso una poetica ricca di magia e di mistero. Ne è un esempio lampante il quadro intitolato "Cupole rosse a Palermo" che pare un paesaggio da favola uscito dalla memoria di una "artista-bambina" che ha conservato intatta la capacità dello stupore, della meraviglia. Non è difficile capire quanto grande sia il legame di Anna Napoli con la terra, intesa come terra-madre, ce lo dicono i grandi tronchi feriti dagli anni e dal dolore del vivere, ma anche la vivacità e l´armonia dei fiori che appaiono in "Anatomia celeste", "Essenze arancio" e "Mattino d´estate", dai quali traspare una grande sensibilità interiore e un amore immenso, una scintilla preziosa che riverbera tutte le luci del cuore e i colori che sanno riprodurre il valore incommensurabile degli elementi primordiali che ci appartengono.

 

 

©©© COPYRIGHT ANNA NAPOLI, annanapoliart@gmail.com, tel mobile +39335393889